Pay per Click

Il più efficace strumento oggi a disposizione del marketing, il PAY PER CLICK (PPC) è utilizzato dalla totalità dei marchi più conosciuti del panorama economico globale.

Attraverso l’attenta scelta delle principali parole chiave identificative di un’azienda o di un prodotto e lo studio delle loro combinazioni è infatti possibile ottimizzare la visibilità di un’attività commerciale, facendo in modo che il sito del marchio pubblicizzato risulti sempre tra i primissimi risultati dei maggiori motori di ricerca.

img_pag_payperclick

Quali sono i vantaggi del PPC ?

Massima visibilità rivolta a un numero potenzialmente illimitato di clienti, dunque, e costante misurabilità dei risultati. Ma la vera forza rivoluzionaria del PPC risiede nella possibilità di personalizzare e plasmare lo strumento secondo le reali esigenze di ogni cliente: personalizzazione di messaggi, destinatari, aree geografiche di riferimento, giorni e orario di presenza. E, sopra ogni cosa, personalizzazione dell’investimento: niente più sprechi di tempo e risorse, si pagano solo gli effettivi click ricevuti, ottimizzando e contenendo i costi più di quanto permetta ogni altra forma pubblicitaria.

PPC – A chi è utile ?

  • A tutte le aziende e liberi professionisti che conoscono direttamente le potenzialità di strumenti di web marketing come Google Adwords o altre piattaforme di PPC, ma che avendo già diverse campagne attive sentano l’esigenza di un supporto professionale per la loro gestione ottimizzata.
  • A quanti, stanchi di altre forme tradizionali di marketing inutilmente costose e poco redditizie, preferiscano affidare la promozione della propria attività a un team di professionisti esperti, potendo così dedicare più energie e tempo al proprio core-business.
  • A chi non abbia ancora provato a investire nel web marketing, o che non disponga di grosse capacità di investimento, ma sia attratto e incuriosito da quella che è universalmente riconosciuta come la forma di promozione pubblicitaria più efficace e performante del mercato.

0 Comments